INTOLLERANZE ALIMENTARI


Le INTOLLERANZE ALIMENTARI rappresentano uno dei temi più discussi e ricercati negli ultimi tempi.

Occorre però portare un'attenzione al riguardo, in quanto non bisogna confondere le intolleranze con le allergie.


Le Intolleranze Alimentari non necessariamente coinvolgono una reazione da parte del sistema immunitario (S.I.), ma può evidenziarsi un abbassamento dello STATO ENERGETICO.

In termini più semplici l´intolleranza alimentare è una cattiva tolleranza a un certo alimento.

Assumere giornalmente delle sostanze tossiche, può determinare alla lunga effetti negativi sull'intestino, sullo stomaco, sul fegato, sul metabolismo, sul sistema endocrino, sul sistema immunitario, portando a sua volta delle conseguenze.


Le INTOLLERANZE a volte insorgono con alcuni segnali specifici differenti da persona a persona. Esse vengono normalmente individuate attraverso il ricorso ad un TEST che rileva la sensibilità ad un dato alimento. La modificazione del proprio regime alimentare, con la conseguente eliminazione dell'alimento stesso e via via di una serie di nutrimenti, permette di individuare i responsabili dell’intolleranza e quindi la riduzione delle situazioni di malessere.


Tra i principali sintomi che rappresentano un piccolo campanello d’allarme che evidenzia possibili intolleranze, troviamo effetti a breve termine come:


- mal di testa e capogiri

- costipazione

- diarrea

- flatulenza

- palpitazioni

- stanchezza e difficoltà di concentrazione

- nausea

- muco eccessivo


Ma anche conseguenze più a lungo termine:


- sovrappeso

- ritenzione idrica

- emorroidi

- infiammazioni intestinali

- prurito

- acne

- dermatiti

- malattie autoimmuni

- depressione e sbalzi d'umore

- stanchezza cronica e insonnia

- scarsa memoria

- sinusite

- catarro bronchiale

- asma


E' possibile verificare il proprio livello di intolleranza, attraverso vari strumenti di ricerca.


Io propongo il TEST KINESIOLOGICO.


Esso è un TEST BIOENERGETICO che valuta la variazione dello stato energetico della persona a contatto con il test alimentare e non la variazione degli anticorpi IgG. E’ possibile che al livello immunitario non ci sia alcuna reazione nei confronti dell’alimento, ma può verificarsi comunque un ABBASSAMENTO dello stato energetico.

Attraverso un test sulla forza muscolare si avrà modo di scoprire quali sono gli alimenti attuali nel proprio regime alimentari che creano o potranno creare malessere e disagio sul piano fisico, emotivo e psichico.

Ogni alimento emette onde elettromagnetiche e questa energia interagisce con l’emissione di onde elettromagnetiche emesse dai nostri organi, le quali si possono sommare oppure sottrarre a quelle dei cibi.

Se l’energia emessa dall’alimento si somma a quella del nostro corpo, non risultano intolleranze e la parte del corpo utilizzata per il test rimarrà tonica a contatto con il campione alimentare. Al contrario se la parte del corpo cede, vuol dire che il cibo indebolisce il nostro stato energetico, evidenziandone l’intolleranza. Ecco spiegato il motivo per cui dopo aver mangiato possiamo avere episodi di mal di testa, essere fiacchi, svogliati e avere sonnolenza.


Nei casi in cui si riscontreranno degli alimenti che possono creare malessere, si eliminerà per un periodo tutti gli alimenti che creano intolleranza, sostituendoli con altri.


Per tutto il MESE DI OTTOBRE 2021 avrai uno SCONTO DEL 20% sulla sessione naturopatica che ti aiuterà a capire il tuo stato di INTOLLERANZA


INFO E PRENOTAZIONI

NATUROPATA Ileana Parisi

347 4015080

www.ileanaparisi.com



137 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti